Slide background

COMUNICATO STAMPA

La Ual fa autocritica e chiama a raccolta i soci convocando al più presto la “Radunanza Generèla”

 

I giorni scorsi il direttivo della UAL si è riunito per analizzare il voto delle recenti elezioni comunali in Valle di Fassa e del Comun General. Il risultato, nonostante uno scarto di soli 38 voti a livello di Valle, se preso in un contesto complessivo e generale è stato valutato comunque negativo per il movimento ladino. Allo stato attuale si impone indubbiamente una seria riflessione sia sul senso del comune unico, obiettivo fortemente sostenuto in campagna elettorale, sia su una serie di aspetti e questioni – a volte anche strumentali – come il ddl sull’omofobia, l’astensionismo, la scuola ladina, e altri argomenti ancora che probabilmente hanno influenzato il voto. Il segretario Manuel Farina, assumendosi le responsabilità dell’esito sfavorevole anche con le dimissioni, ha tuttavia ribadito la bontà della proposta, una sfida volta a creare maggior unità a livello di valle, ciò anche per affrontare il difficile contesto socio-economico, supportata da una lista di persone valide e preparate, animate da grande entusiasmo e disposte a mettersi in gioco per lavorare al servizio dell’intera comunità fassana. Purtroppo, ha proseguito il segretario, non siamo riusciti a spiegare e a promuovere in maniera efficace e convincente la nostra proposta con la conseguenza che l’esito delle elezioni ci ha visto uscire sconfitti. Il nostro ruolo, pertanto, sarà quello di costituirci come gruppo di minoranza in seno al Consei General dove, oltre a vigilare sull’azione politica della maggioranza, non verremo meno ai nostri impegni, adotteremo una posizione collaborativa e costruttiva convinti che il nostro progetto rimane sempre attuale e che sia la strada giusta per il futuro della Valle di Fassa.

Il direttivo ha manifestato tutta la sua solidarietà a Farina, ha riconfermato piena fiducia nei confronti del segretario affermando non solo di non accettare le dimissioni, ma di non voler nemmeno mettere in discussione il suo ruolo in quanto, tutte le scelte fatte sono state volta per volta valutate e condivise e pertanto la responsabilità del risultato è di tutti i membri indistintamente. Tuttavia, è stato ricordato che in occasione dell’ultima Radunanza Generèla del novembre scorso la direzione, in scadenza, aveva chiesto ai soci una proroga del termine del mandato proprio fino alle elezioni comunali per opportune ragioni di continuità.

Preso atto quindi che gli attuali organi di partito sono già scaduti e che la pratica elezioni è conclusa, il direttivo ha espresso la volontà di convocare al più presto l’assemblea della UAL, concordando che la parola spetta ora ai soci. L’intenzione quindi, è quella di indire la “Radunanza Generèla” al più presto, entro la fine di giugno o i primi di luglio.

 

Poza – Pozza di Fassa, ai 22 de mé 2015

Union Autonomista Ladina